Il Lazio si impone alla 27^ edizione del Concorso Nazionale ‘Una Ragazza per il Cinema’ dei patron Antonio Lo Presti e Daniela Eramo. Elisa Pepè Sciarria, del team pontino di Giulianello di Cori, StilEventi, di Antenore Della Vecchia, è Una Ragazza per il Cinema 2015. La studentessa sedicenne di Lariano (RM), è stata scelta tra le 91 bellezze in gara provenienti da tutta Italia e incoronata la notte scorsa, a conclusione della Finalissima in Piazza Università, a Catania, condotta dalla showgirlCarmen Russo e dal giornalista direttore del settimanale Nuovo,Riccardo Signoretti.

Le modelle laziali delle due squadre della provincia di Latina si erano già messe in evidenza nelle prime due serate. Giovedì la ventunenne romanaValentina Catena della MTM Events di Massimo Meschino (Fondi), quest’ultimo responsabile regionale del Lazio del Concorso Nazionale Una Ragazza per il Cinema, era sta eletta Ragazza Sorriso. Venerdì invece era stata proprio Elisa Pepè Sciarria a conquistare la Fascia Nazionale Fotogenia.

Tornando a ieri sera. Secondo posto per Monica Giannotti, 16 anni di Firenze. Terzo posto a Rosanna Sapia, 23 anni di Catania. La fascia diMiss Ragazza Nuovo è stata consegnata da Riccardo Signoretti, a Celeste Cortesi, 17 anni di Parma. Come Miss Wella è stata scelta la stessa vincitrice, Elisa Pepè Sciarria. A consegnare la fascia Gianni Di Stefano, direttore artistico di Wella Italia. Miss delle Miss è stata nominata Krystyn Soares, 18 anni di Napoli. A consegnare la fascia, Daniela Eramo.

L’arduo compito di votare le giovani in passerella è stato affidato a una Giuria formata da eccellenze del panorama artistico: il regista, scrittore e sceneggiatoreFederico Moccia; la regista e produttrice Rossella Izzo; il coreografo di fama internazionale, Garrison Rochelle; la cantautrice Grazia Di Michele; il cantante Francesco Sarcina; Pablo art director del Gruppo Gil Cagné; Marco Vurro, responsabile Comunicazione Eventi Wella.

Di grande fascino sono state le uscite delle concorrenti, che hanno sfilato in costume, outfit elegante, negli splendidi abiti da sposa della stilista Carmela Motta e con il vestito creato in esclusiva per Una Ragazza per il Cinema dall’atelier di Lara Roggi. Perfette le coreografie create per le passerelle da Garrison Rochelle, che con fantasia ha inserito dei bodybuilder e i provetti piccoli ballerini della scuola “A ritmo del cuore”.

Lunghi applausi per l’esibizione clou, con Francesco Sarcina che ha creato un’atmosfera da concerto in unplugged, accompagnato dalla sua chitarra. Il cantante, divenuto noto come leader del gruppo Le Vibrazioni, ha regalato momenti di profonda poesia e coinvolgimento con “Dedicato a te”, “Musa”, “Vieni da me” e il successo di questa estate “Femmina”.

Pungente e simpaticissimo come sempre Pippo Franco. Nel suo intervento l’attore ha descritto vizi e virtù della società odierna. Apprezzata la titolare di Una Ragazza per il Cinema 2014, Giulia Todaro, nel suo ironico monologo, giocando con la figura di Marilyn Monroe e dando prova di essere brava non solo nella recitazione ma anche nel ballo. Ospite anche Virginia Tomarchio, vincitrice di “Amici” per la categoria danza 2015, che si è espressa con padronanza e leggiadria sul palco della sua città natale.

 

LE DICHIARAZIONI

Grandi occhi verdi, sguardo dolce ma deciso, capelli castani, pelle di porcellana, un fisico  armonioso, Elisa Pepè Sciarria, pur essendo emozionatissima, non ha gettato una lacrima nel momento in cui è stato pronunciato il suo nome dal patron Antonio Lo Presti. “Non sono un tipo che piange, ma ancora tremo – ha dichiarato a conclusione della serata-. Da questo momento – ha aggiunto – sento che la mia vita cambierà moltissimo e, naturalmente, in meglio. Il titolo di Una Ragazza per il Cinema era ciò che fortemente desideravo, perché voglio fare l’attrice. D’altro canto, la mia altezza di un metro e sessantacinque non mi permette di essere una modella, ma questo poco importa: ciò cui ho sempre aspirato è stato il mondo del cinema e per questo da tempo studiavo già recitazione”.

Tra i primi abbracci ricevuti da Elisa, quello del suo agente Antenore Della Vecchia: “C’erano tante ragazze belle e di talento – ha detto Della Vecchia – ma io credevo molto in Elisa, perché in possesso di tutti i numeri per vincere”.

“Sono felice di aver riportato nel Lazio il titolo nazionaleha aggiunto il responsabile regionale del concorso Massimo Meschinodopo che nel 2012 era già stato vinto da una delle ragazze della MTM Events, Noemi Guglietta di Lenola”.

Soddisfatto il patron Lo Presti che, subito dopo la conclusione, ha già iniziato a pensare all’Edizione 2016: “Se, come è stato riconosciuto anche dalla stampa in questi giorni, il nostro concorso è in continua crescita, allora non dobbiamo fermarci perché non vogliamo essere secondi a nessuno. Per questo continueremo a cercare sempre nuovi spazi, per la visibilità che merita una competizione unica nel suo genere qual è Una Ragazza per il Cinema” .

Daniela Eramo con la sua innata classe è stata brava a contenere il momento di inevitabile commozione che ha confidato di aver vissuto:“Questa sera ero più emozionata delle ragazze, perché so bene cosa provano avendo in passato partecipato anch’io al concorso. E poi, c’è stato un motivo in più: vedere lasciare la corona da parte della titolare 2014, Giulia Todaro, che per me è stata la migliore Ragazza per il Cinema della storia della competizione. Auguro a Elisa Pepè di ricalcare le orme della Miss che l’ha preceduta”.

Ernesto Trapanese, direttore artistico, come il patron Lo Presti, ha manifestato la voglia di proseguire il percorso tutto di qualità di Una Ragazza per il Cinema: “Il nostro punto di forza sta nella scelta degli ospiti di altissimo livello che partecipano attivamente alla formazione delle concorrenti. Ci metteremo nuovamente al lavoro per la prossima edizione, puntando in professionalità sempre di spessore ed anche popolari, come i professionisti che sono stati con noi quest’anno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *